Lampedusa

Padre Zonta:“Bisogna intervenire sulle cause”

A fronte dell’immane tragedia avvenuta al largo delle coste di Lampedusa, abbiamo deciso di contattare il direttore  dell’Ufficio diocesano per i migranti, padre Bernardo Zonta

Ascolta l’intervento di Padre Bernardo Zonta, direttore Ufficio diocesano per i migranti, missionario scalabriniano, ospite di Zoom su Radio Voce

Brescia. E’ verso l’Unione europea e le istituzioni internazionali che lo scalabriniano padre Bernardo Zonta, direttore dell’Ufficio diocesano per i migranti, punta il dito, in quanto rei di non aver fatto nulla – negli ultimi dieci anni – per impedire le stragi del mare; come quella avvenuta ieri a Lampedusa, la più grave, da quando sono iniziati gli sbarchi verso le coste siciliane.”E’una questione europea e internazionale – afferma con cognizione di causa padre Zonta dal suo osservatorio -. Attualmente noi ci troviamo di fronte a un movimento di circa 200mln di persone che fuggono dalla propria patria”. Piccoli veti e pochi controlli. Sarebbero queste le uniche azioni approntate dagli enti preposti per risolvere i problemi connessi ai flussi migratori.

“L’Italia viene presentata loro come l’America in Europa, al pari dei nostri emigranti che nel secolo scorso andavano a cercare fortuna negli Stati Uniti”. Per tale motivo schiere di disperati, pur di fuggire da un presente di disperazione, versano dai 2mila ai 3mila euro agli scafisti, andando inevitabilmente incontro a un futuro ignoto, a un viaggio che spesso si conclude sul fondo del mediterraneo. “Sono tutti spinti dalla speranza di andare incontro a qualcosa di meglio” rispetto a ciò che si stanno lasciando alle spalle.

Padre Zonta non lascia spazio ai soliti “buonismi di passaggio” a cui ci hanno abituati i media. Lo scalabriniano tocca il problema in concreto. E’ la mancanza di relazioni politiche serie, in tema di controllo dei flussi fra i paesi costieri, all’origine di tutto. Un’assenza che lascia spazio alla criminalità internazionale che da decenni sfrutta la disperazione di milioni di persone. “Le norme, le leggi esistenti non servono a dare una risposta alla causa dell’emigrazione. Noi dobbiamo intervenire sulle cause per poter orientare il migrante a una vita migliore”.

Laddove i Paesi non riuscissero a trovare una via diplomatica per risolvere i problemi legati all’emigrazione, dovrebbe intervenire l’Onu o altre organizzazioni internazionali, sottolinea padre Zonta:”Qui nessuno interviene perché sotto ci sono interessi economici. Non è possibile che partano tanti barconi senza sapere chi è che muove tale traffico”.

Padre Zonta ha assunto da poco la direzione dell’Ufficio diocesano per i migranti, ma questo non gli ha impedito di individuare le contraddizioni in seno alla legislazione italiana. Da una parte i governanti spingono sull’integrazione, sull’accoglienza, ma all’atto pratico, l’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina è sempre dietro l’angolo.

Lo spettacolo stucchevole della politica, con il rimbalzarsi delle responsabilità, copre il doveroso silenzio da tenersi di fronte alle tante vittime. Un silenzio che è anche riflessione e preghiera, come voluto da Papa Francesco.

di Romano Guatta Caldini , Marco Vigoletti

Articolo preso da: http://www.lavocedelpopolo.it/index_dettagli.php?get_id=10825

 

Annunci

Tag:,

About brescia aperta e solidale

Il progetto è rivolto all'intera cittadinanza del Comune di Brescia, per coinvolgere le associazioni di immigrati e le diverse realtà che operano sul territorio (parrocchie, gruppi, etc.) nell'ambito dell'accoglienza dei migranti e del dialogo tra culture.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: