Lo stereotipo della “zingara

Lo stereotipo della “zingara” e la sessualizzazione della donna Rom
di Fabrizio (del 24/01/2013  in Kumpanija)

Il fatto che la rappresentazione delle genti di colore – e delle donne di colore, in particolare – sia stata esotizzata e finanche sessualizzata nella percezione occidentale, non e’ una novita’, e i Rom non sono sfuggiti a questo fenomeno. Scrive Borrow (1841): “Le donne e le ragazze zingare sono in grado di accendere passione piu’ che nelle descrizioni piu’ audaci, in particolare in coloro che non sono zingari, perche’, naturalmente, la passione diventa piu’ violenta quando e’ nota l’impossibilita’ quasi assoluta di gratificazione”.
Alcune premesse storiche. I Rom sono originari dell’Asia, i cui antenati, lasciato il nord-ovest dell’India a seguito di una serie di incursioni islamiche nell’ XI secolo, sono stati progressivamente spinti in Europa sud-orientale, dove quasi la meta’ si sono stabiliti nei Balcani, e dove sono stati tenuti in schiavitu’ fino al 1864. Mentre l’altra meta’ in grado di andare avanti si e’ sparsa nel resto dell’Europa. Ci sono oggi circa dodici milioni di Rom, di cui piu’ o meno otto milioni vivono nel vecchio continente e due o tre milioni si sono stabilizzati in America e altrove, costituendo cosi’ la piu’ grande e diffusa minoranza etnica del mondo. Quasi il doppio di quanti siano i danesi o gli svedesi.

Quando i Rom sono apparsi per la prima volta in Europa, tutti credevano che facessero parte della diffusione islamica all’interno della cristianita’, e sono stati quindi identificati con i turchi ottomani. La parola “turchi” riferita ai Rom e’ infatti ancora oggi diffusa in molti luoghi. Altra definizione impropria usata per i Rom e’ stata anche “egiziani”, da cui sono derivati appunto i termini Zingari, Gitani, Tzigani, eccetera.

Benche’ esistano moltissimi riferimenti medioevali e rinascimentali riguardanti la vera origine indiana del popolo Rom, questo fatto, col passare del tempo e’ stato dimenticato anche dagli stessi Rom. Di conseguenza, un gran numero ipotesi errate, a volte bizzarre, sono state formulate. Tra queste, ce n’e’ una che li fa originari delle profondita’ della Terra, o della Luna o di Atlantide, o li identifica come i resti di una razza preistorica. A seconda del periodo storico e delle credenze del momento sono stati Nubiani, o Druidi, oppure ebrei venuti allo scoperto dopo i pogrom medioevali.

La vera origine e’ stata scoperta casualmente nel 1760 quando in una universita’ olandese, uno studente che aveva imparato un po’ di Romani (la lingua dei Rom) da operai che lavoravano nella tenuta di famiglia in Ungheria, una volta ascoltati i discorsi di alcuni studenti provenienti dall’India, che parlavano una lingua simile, si convinse della reale provenienza del popolo Rom. Questo porto’ al primo libro mai scritto sul tema (Grellmann, 1783).

La pubblicazione del libro di Grellmann, durante l’Illuminismo, che apparve in una edizione inglese del 1807, coincise con l’emergere di una serie di discipline scientifiche, tra cui la botanica e la zoologia, e la necessita’ di classificare le piante e gli animali che venivano scoperti durante l’esplorazione delle nuove colonie europee d’oltremare. Cosa che rapidamente porto’ anche alla classificazione delle popolazioni umane non europee.

E’ stato proprio in quel tempo che l’idea che “mescolare le razze”, sia geneticamente che socialmente, fosse pericoloso. Un’idea che si e’ diffusa sempre piu’ nella cultura e che e’ stata, poi, la causa che nel XX secolo ha portato al nazismo e alle terribili e ben note conseguenze. Ma proprio per la sua natura proibita, l’incrocio tra razze ha acquisito anche quell’elemento morboso di attrazione che soprattutto durante l’epoca vittoriana, ha trovato la sua espressione in una certa arte e letteratura, con la rappresentazione di rapporti sessuali tra colonizzatori e schiave, ovvero tra donne di colore e maschi bianchi. La fotografia erotica del tardo XIX secolo e’ infatti caratterizzata principalmente da donne nude africane o asiatiche, e non includeva mai immagini di donne bianche svestite.

Una parentesi curiosa: la piu’ antica organizzazione che si e’ dedicata allo studio del popolo Rom e’ stata la Gypsy Lore Society, fondata nel 1888 e che ancora esiste. Alcuni dei suoi membri di sesso maschile – tutti non Rom – si riferivano a loro stessi come “Ryes”; un’auto-designazione interpretata come “chi aveva guadagnato una posizione privilegiata nel mondo Romani”. In lingua Romani “Rai” significa infatti “persona che ha autorita’”, quindi puo’ essere “signore” oppure anche “poliziotto”. Ma ha anche un altro specifico significato, e si riferisce a chi, pur essendo non Rom, e’ in grado di portarsi a letto una donna Rom.

Fonte: http://networkedblogs.com/HtpzR

Annunci

Tag:, ,

About brescia aperta e solidale

Il progetto è rivolto all'intera cittadinanza del Comune di Brescia, per coinvolgere le associazioni di immigrati e le diverse realtà che operano sul territorio (parrocchie, gruppi, etc.) nell'ambito dell'accoglienza dei migranti e del dialogo tra culture.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: