Test di Italiano

Il 9 dicembre 2010 è entrato in vigore il decreto del ministero dell’Interno del 4 giugno 2010,
Modalità di svolgimento del test di conoscenza della lingua italiana, previsto dall’articolo 9 del decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286, introdotto dall’articolo 1, comma 22, lettera i) della legge n. 94/2009.
La norma subordina il rilascio del permesso di soggiorno di lungo periodo al superamento di un test di conoscenza della lingua italiana.

Gli uffici del Patronato Acli diffusi in tutti il territorio italiano sono organizzati per garantire ai cittadini immigrati le opportune informazioni e l’assistenza eventualmente necessaria per inoltrare le domande di prenotazione per lo svolgimento dei test.
È previsto che gli esami inizino a febbraio, entro 60 giorni dalle prime richieste.

Il test deve essere sostenuto dallo straniero regolarmente soggiornante in Italia da almeno cinque anni, già titolare di un permesso di soggiorno in corso di validità e che abbia compiuto i 14 anni di età.

Lo straniero presenta la richiesta di partecipazione al test alla Prefettura territorialmente competente in base al proprio domicilio, accedendo via web all’indirizzo http://testitaliano.interno.it.

La Prefettura convoca, per posta, entro sessanta giorni dalla richiesta, lo straniero per lo svolgimento del test di conoscenza della lingua italiana, indicando il giorno, l’ora ed il luogo in cui lo straniero si deve presentare.
Infine, lo straniero si deve presentare presso il luogo indicato nella lettera di convocazione, portando con se la lettera di convocazione e un documento di riconoscimento.

Il test si svolge con modalità informatiche. Su richiesta dell’interessato, il test può essere svolto per iscritto.

Il test è strutturato sulla comprensione di brevi testi, frasi ed espressioni di uso frequente (secondo il livello A2 del QCER – Quadro Comune Europeo di Riferimento per la conoscenza delle lingue).

Il contenuto delle prove che compongono il test, i criteri di assegnazione del punteggio e la durata della prova sono stabiliti uniformemente su tutto il territorio nazionale.
Per superare il test il candidato deve conseguire almeno l’ottanta per cento del punteggio complessivo.

Il nuovo sistema avrà bisogno di un periodo di rodaggio, malgrado l’impegno profuso dai funzionari delle amministrazioni coinvolte: il ministero dell’Interno e quello dell’Istruzione, le questure e le prefetture, i centri provinciali per l’istruzione degli adulti.

Info comunciate da
Patronati ACLI Italia

Ulteriori info: ministero dell’Interno.

Annunci

Tag:, ,

About brescia aperta e solidale

Il progetto è rivolto all'intera cittadinanza del Comune di Brescia, per coinvolgere le associazioni di immigrati e le diverse realtà che operano sul territorio (parrocchie, gruppi, etc.) nell'ambito dell'accoglienza dei migranti e del dialogo tra culture.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: