Reality Mission da Elinkine in Senegal

 

Temento comunità dei padri Oblati

Tra i programmi che vanno per la maggiore, i reality show, occupano un posto di primo piano. Vuoi per la curiosità morbosa di tanti, vuoi per farsi I fatti degli altri, insomma vedere dei “tosti” e delle “belle” in gabbia fa un certo che, anche se gli atteggiamenti che hanno sono più simili a quelli dei nostri parenti primati prima dell’evoluzione. Ma siccome la missione ha i suoi asptti “reality” vediamo come in una telecamera cosa succede nei dintorni di Elinkine (Casamance) verso la metà di ottobre del 2009.

I protagonisti:

Padre Bruno Favero un vecchio e sperimentato missionario avezzo a tutte le situazioni più strane veneto verace e convinto;

Fratel Jean Marie Sene, freschissimo missionario ancora in fase di formazione un sereer giovane  e aitante.

La storia:

I nostri due protagonisti prendono in prestito una macchina dal vetusto parco auto delle Delegazione Oblata, per il momento non ci sono i mezzi per una nuova vettura e poi vuoi mettere l’impatto positivo sugli autoctoni, due poveri missionari con una macchina in prestito! Si incontrano a Ziguinchor il sabato 10 ottobre  e cosi comincia questa nuova storia. Il viaggio verso Elinkine dura circa un ora , una strada bellissima che si fa largo nella foresta della Casamance. Qualche parola, qualche scambio di vedute. L’atmosfera è tesa per la prima volta ci troviamo faccia all’incognito, più il tempo passa e più ci si fa silenziosi, anche il sole nonostante il caldo afoso cerca di nascondersi, sono ormai le sette di sera. Eccoci finalmente, qualche luce “solare” qui a Elinkine non c’é l’elettricità, siamo in vista del nostro nuovo villaggio. Qualche incoraggiamento, qualche “vedremo” e finalmente arriviamo in vista della cappella di Elinkine. Chiamarla cappella è davvero un complimento…
Voi leggere tutto l’articolo scritto da Padre Bruno vai al sito  http://rominarinaldi.wordpress.com

Annunci

Tag:, , , ,

About brescia aperta e solidale

Il progetto è rivolto all'intera cittadinanza del Comune di Brescia, per coinvolgere le associazioni di immigrati e le diverse realtà che operano sul territorio (parrocchie, gruppi, etc.) nell'ambito dell'accoglienza dei migranti e del dialogo tra culture.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: